Madre terra ed il nutrimento delle sue creature

Cosa mangiamo? Come mangiamo? Qual è il comportamento dell’uomo nei confronti di Madre Terra?

 

a cura di Giuseppe Galano – PARROCCHIA MARIA SS. MADRE DELLA CHIESA – DECANATO DI BARANO SERRARA FONTANA

D'Orta 1Sabato 17 ottobre la comunità parrocchiale di Fiaiano ha ospitato un incontro che ha richiamato un nutrito numero di persone tra cui tante famiglie. Il relatore, Dott. Armando D’Orta, Biologo Nutrizionista Specialista in Scienze dell’Alimentazione ed Esperto in Nutrizione nel Malato Oncologico, ha intrattenuto i presenti parlando di tematiche di straordinario interesse ed attualità. Tema dell’incontro è stato “Madre Terra ed il nutrimento delle sue creature”- alla scoperta di ciò che fa male alla salute. Come obiettivo ci si è prefissati quello di imparare a conoscere meglio la nostra “casa”, luogo donatoci dal Signore che va custodito e rispettato. Nel corso del dibattito è stato possibile capire come il comportamento dell’uomo nei confronti di Madre Terra possa provocare l’insorgenza di malattie, tra cui il cancro; al contrario un comportamento sano ed una corretta alimentazione possono evitare tante conseguenze negative a carico della salute umana. Il parroco Don Emanuel Monte ha effettuato una breve riflessione richiamando l’Enciclica di Papa Francesco “Laudato Sii”. Tra uomo e creato vi è una bella e profonda relazione. Occorre essere attenti ad ogni cosa. Il tema del creato unisce tutti. Il Papa, con il suo documento analizza questioni molto importanti come inquinamento e cambiamenti climatici; analizza le scelte della politica e dell’economia che si ripercuotono sull’ambiente. “Papa Francesco ci ha chiamati alle armi”. Con queste parole inizia l’intervento del Dott. D’Orta. Il relatore lancia alla platea una serie di messaggi ed importanti spunti di riflessione. Perché ingrassiamo? La risposta è complessa e va ricercata nel nostro passato. Se consideriamo il nostro DNA, i nostri geni, possiamo considerare che sono quasi gli stessi dei nostri progenitori, i quali non sempre potevano mangiare. La natura, nel corso dell’evoluzione, ha selezionato degli individui, coloro i quali riuscivano a sopravvivere mangiando poco. Noi discendiamo da costoro. Oggi ci troviamo in difficoltà dati i mutamenti sociali iniziati dal secondo dopoguerra. La meccanizzazione favorisce un elevato risparmio energetico. Inoltre è sempre dilagante, anche tra i meno abbienti, l’acquisto di cibo spazzatura. Egli ci parla di alimentazione come prevenzione e cura in molte patologie. Fondamentale è la riscoperta della Dieta Mediterranea che andrebbe seguita completamente. Occorre allontanarci dal mondo animale rivolgendo le nostre scelte alimentari su quello vegetale. Il relatore ci parla poi di OGM, un termine spesso e volentieri utilizzato senza saperne il corretto significato. Si definisce OGM un organismo geneticamente modificato tramite tecniche di laboratorio che consentono l’eliminazione, l’aggiunta o la modifica di elementi genici. Gli OGM vengono oggigiorno utilizzati principalmente nell’ambito dell’alimentazione, dell’agricoltura, della medicina e dell’industria. Il Dott. D’Orta spiega come questi siano nati dall’esigenza di debellare la fame. Quotidianamente tutti mangiamo OGM, senza nemmeno saperlo. La qualità degli alimenti nel corso del tempo è drasticamente cambiata. Stiamo assistendo ad un vero e proprio mutamento sociale la cui risposta è la malattia dovuta al fatto che l’organismo non riesce più a sopportare tali cambiamenti. Occorre considerare che nel tempo la preparazione degli alimenti ha subito forti cambiamenti. Il grano che mettiamo nelle nostre tavole, solo per fare un esempio, è un OGM, ciò al fine di renderlo più resistente a parassiti, batteri ed altro. L’attenzione del relatore si sposta sui cosiddetti alimenti biologici caratterizzati dall’assenza nel prodotto finale di sostanze estranee o in qualche modo ritenute pericolose come aromatizzanti, coloranti artificiali ed altre sostanze estranee. E’ fondamentale, sottolinea a più riprese il nutrizionista, scegliere cibo di stagione e variare le scelte alimentari. Importantissimo è saper fare la spesa prestando attenzione alla qualità degli alimenti. Prima della conclusione dell’incontro vi è stato spazio per momenti di dialogo tra D’Orta ed i presenti. Nel corso dei vari interventi, le persone che affollavano il salone parrocchiale hanno offerto interessanti spunti di riflessione.

FacebookTwitterEmailCondividi

© 2014 - Diocesi di Ischia web@chiesaischia.it